OSVALDO E ROBERTO SALAS

Foto di O. e R. Salas
(Che con la macchina fotografica, 1964)

OSVALDO SALAS È NATO ALL’AVANA NEL 1914 E GIOVANISSIMO È EMIGRATO CON
LA FAMIGLIA ANEW YORK, DOVE, DA FOTOGRAFO AUTODIDATTA, HA IMMORTALATO
I DIVI DI HOLLYWOOD E I CAMPIONI SPORTIVI PER CAMERA OVER BROADWAY, LIFE, LOOK, E IL NEW YORK TIMES.
NEL 1955 OSVALDO E SUO FIGLIO ROBERTO (NATO NEL BRONX NEL 1940)
INCONTRARONO FIDEL CASTRO, CHE ALL’EPOCA SI TROVAVA A NEW YORK PER RACCOGLIERE FONDI PER IL MOVIMENTO DEL 26 LUGLIO.
DURANTE IL SOGGIORNO DI CASTRO, OSVALDO SCATTÒ DIVERSE FOTO AL LEADER CUBANO, ASSOLUTAMENTE UNICHE DA UN PUNTO DI VISTA STORICO; PIÙ TARDI ROBERTO FOTOGRAFÒ LA BANDIERA RIVOLUZIONARIA DI CASTRO APPESA ALLA CORONA DELLA STATUA DELLA LIBERTÀ, FOTO CHE FU PUBBLICATA DALLA RIVISTA LIFE, ATTIRANDO L’ATTENZIONE DELL’INTERA NAZIONE. DOPO IL TRIONFO DELLA RIVOLUZIONE NEL 1959, CASTRO SCELSE PERSONALMENTE I SALAS, PADRE E FIGLIO [INSIEME A RAÚL CORRALES] COME FOTOGRAFI DI PUNTA DI REVOLUCIÓN,IL GIORNALE DEL NUOVO GOVERNO.

Foto di O. Salas
(Il com. Camilo Cienfuegos e Rafael Ochoa)

NEGLI ANNI D’ORO DEL GIORNALISMO FOTOGRAFICO A CUBA (1959-63) I SALAS SCATTARONO UN NUMERO INFINITO DI IMMAGINI MEMORABILI, DOCUMENTANDO
IL PERIODO PIÙ INTENSO E INNOVATIVO DELLA VITA DELL’ISOLA. OSVALDO SALAS È MORTO NEL 1992 A LONDRA DOVE GLI ERA STATA DEDICATA UNA MOSTRA.
ROBERTO
VIVE ALL’AVANA E CONTINUA A LAVORARE COME FOTOGRAFO.

 

Le foto di Osvaldo e Roberto Salas sono state pubblicate nel Latinoamerica n. 100 (leggibile anche su pdf)