MANDATO DI CATTURA PER SANCHEZ DE LOSADA, EX PRESIDENTE DELLA BOLIVIA

agosto 10, 2009

Losada è accusato anche per l’uccisione dei 60 manifestanti durante la famosa ondata di protesta dell’ottobre 2003

(13 maggio 2007)

 

BOLIVIA – Le forze dell’ordine boliviane hanno annunciato che Sanchez de Losada, ex presidente della Bolivia (che scappò nel 2003 dal suo paese con un aereo diretto a Washington mentre centinaia di migliaia di boliviani raggiungevano la capitale per manifestare contro di lui e il suo governo) e gli ex ministri della Difesa Carlos Sanchez Berzain e degli Idrocarburi Jorge Berindoa sono stati dichiarati fuggitivi della Giustizia, pertanto, è stato emesso un mandato di cattura.
Il giudice Milton Mendoza ha fatto sapere che, con la pubblicazione della sentenza della Corte Suprema, l’ordine di arresto della polizia boliviana è stato inviato all’Interpol.

La Corte Suprema già aveva condannato Sanchez de Losada e i suoi ex ministri perché non si erano presentati al processo riguardo alla violazione della legge per gli accordi che lo stesso presidente e i suoi ministri avevano firmato con le imprese petrolifere. Losada è accusato anche di genocidio per i sessanta assassinati, nell’ottobre del 2003, durante la famosa ondata di protesta popolare che produsse la sua cacciata e quella del suo governo.

fonte Da una notizia dell’agenzia ADITAL del 5 febbraio 2007


Articolo di Redazione

Redazione ha scritto 128 articoli su Latinoamerica.