Aiuto, i russi in Georgia!

agosto 20, 2009

Il Granma del 27 agosto porta un divertente articolo di Annie Arroyo dal titolo:“Una confusione inconcepibile”, che comincia così:
Il 20 agosto 2008 alle dodici, l’Agenzia Novopress di Atlanta (USA) segnala che un vero e proprio panico si è impossessato di parecchie persone negli Stati Uniti, al punto che alcuni cittadini hanno lanciato messaggi disperati in Internet. Al contrario di quello che si potrebbe pensare, non erano preoccupati per la tormenta Fay che da più di una settimana passa e ripassa al sud degli Stati Uniti, ma per la presenza dei russi in Georgia.

Come mai dei cittadini statunitensi che in generale si preoccupano solo se si attacca direttamente il suolo patrio (God bless America – e che il resto del mondo vada a quel paese1), si dimostrano così preoccupati per quel che succede in un piccolo paese del Caucaso a migliaia e migliaia di chilometri dal loro ombelico? Per caso soffia un miracoloso vento di generosità sulle terre dello Zio Sam? In Internet Yahoo Answers –un sito di domande-risposte –scopriamo il motivo. Lì si possono leggere messaggi angosciati del tipo: “Non capisco perché gli Stati Uniti hanno permesso alla Russia di invadere uno dei suoi stati, la Georgia. –Non ho notizie, ma i russi sono alle porte di Atlanta? –Vivo in Georgia, ma non vedo l’esercito russo per le strade, mi devo preoccupare? –E’ prudente viaggiare ad Atlanta attualmente? – Mi hanno detto che i russi hanno invaso la Georgia!”.

Pare che qualche bello spirito ci abbia scherzato sù scrivendo: “Si, vivo nei dintorni di Atlanta e sotto il mio edificio ci sono truppe sovietiche che scendono per la strada con i Kalschnicov spianati.”
C’è solo da augurarsi che non lo abbiano preso sul serio, altrimenti Bush junior, sempre fulminante nelle sue decisioni, sarebbe capace schierare all’istante tutto il potenziale bellico disponibile per difendere la sua Georgia.


Articolo di Alessandra Riccio

Alessandra Riccio ha scritto 173 articoli su Latinoamerica.


Alessandra Riccio